Agricoltura Sociale e Fattorie Didattiche

di Domy | 24 febbraio 2014
Agricoltura sociale, Campagna Amica, le Fattorie Didattiche, l’Agrisilo, l’Agritata, la Pet-therapy, insieme con l’Associazione Terranostra, promosse da Coldiretti e dal Ministero delle Politiche Agricole.

Il talento sul lavoro di due Donne speciali

Ogni Donna è Talentuosa ….. e anche nel lavoro le Donne si esprimono al meglio, eccovi due esempi di cosa le Donne sono in grado d’inventarsi con la loro creatività e passione in tutto quello che fanno:
le fattorie didattiche, l’agrisilo, l’agritata, la pet-therapy e tutto questo con l’Associazione Terranostra nel progetto di Educazione alla Campagna Amica, sostenuto dal programma di educazione alimentare promosso dal Ministero delle Politiche Agricole e dal programma di Agricoltura sociale promosso dalla Coldiretti.

Sarà un caso, sarà una coincidenza ma proprio due Donne sono fautrici di queste due iniziative.
Graziella Boveri come Responsabile Regionale Donne Impresa Coldiretti.
Stefania Grandinetti come Presidente Regionale Terranostra, nonché titolare della sua azienda agricola “Agriturismo Le Piagge”

L’imprenditoria femminile in questi ultimi anni nel nostro settore è cresciuta, infatti un’azienda su tre è condotta da Donne.
E’ il caso dell’Agriturismo “Le Piagge” che è proprio diretto da Stefania Grandinetti.

Stefania nella Sua Fattoria ha aderito e messo in pratica il progetto di Fattorie Didattiche, ovvero come tante altre Fattorie del Piemonte, hanno differenziato i propri servizi, rivolgendosi non solo ed esclusivamente al mondo della scuola, ma anche finalizzando le attività ricreative aziendali verso il pubblico più aperto, alle famiglie, agli anziani, ad un turismo rurale didattico. Attività come centri estivi residenziali o anche solo diurni sono un supporto importante, come per esempio da giugnno a settembre, per tutte le famiglie alle quali da qualche anno si stanno affiancando anche agriasilo, agritata, attività di pet-therapy ed educazione cinofila, servizi di agricoltura sociale rivolte agli anziani come il pranzo a domicilio e accoglienza domiciliare.

Graziella Boveri in qualità di Responsabile Regionale della Coldiretti, supporta queste iniziative, perché è convinta che l’azienda agricola deve e stà trovando in queste attività multifunzionali ed innovative, opportunità per integrare il reddito delle attività rurali, dedicando risorse a trovare nuove soluzioni per rispondere ai bisogni dei territori. In questa prospettiva la valorizzazione della multifunzionalità nel nostro settore rivolta al campo sociale può offrire vantaggi per le comunità locali e per le aziende agricole. L’agicoltura sociale unisce le politiche agricole,le politiche sociali del lavoro e della sanità in un processo di avvicinamento della politica ai bisogni delle persone. E’ così che l’agricoltura diventa luogo per la riabilitazione dei disabili, per l’inserimento lavorativo di soggetti svantaggiati e offre servizi educativi, culturali di supporto alle famigliee alle istituzioni didattiche.

Insomma ma se non ci fossero state due Donne … mah … io sono convinto che forse tuttua questa creatività in questo ambito non ci sarebbe stata, e chi ci avrebbe  mai pensato di fare la scuola nelle fattorie???

Comunque sia complimenti a queste due Donne talentuose che sono sicuramente vanto della loro Regione ed in questo caso è il Piemonte.
Chissà quanti altri casi di questo genere ci sono in tutte le Regioni, le Provincie ed i singoli Comuni in tutta Italia, forza fateci sapere ed ognuna di Voi scriva un articolo su “The Pink Magazine”, per farci sapere cosa le Donne fanno in questi territori, dove Voi vivete, dove lavorate, dove fate sport o passate il tempo libero, sono le piccole cose che fanno grande un piccolo paese!!!

Commenta la notizia